Ultime Notizie

Iscrizione

newsletter
Informazioni


Ricevi HTML?

In evidenza

ultime discussioni postate

Post più letti

isco: Accertamento sufficiente per pretesa di rettifica PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 26 Ottobre 2009 14:19

                              cassazione

 

Fisco: Accertamento sufficiente per pretesa di rettifica

 
Con sentenza n. 113/2009, la CTR di Roma  in contrasto con la recente sentenza di Cassazione n. 19632 del 2009, afferma che gli studi di settore rappresentano uno strumento di valutazione della capacita` reddituale del contribuente bastevole a fondare la pretesa del Fisco. I dati risultanti dalle presunzioni relative, ossia che ammettono la prova contraria a carico del contribuente, sono utilizzabili quali indici di valutazione poiche` sono frutto di un metodo basato sulle statistiche che per ogni attivita` economica riunisce e definisce gruppi omogenei di imprese o di esercenti arti e professioni in base a caratteristiche strutturali comuni. Si ricorda che la sentenza di Cassazione n. 19632 del 2009 aveva, invece, stabilito che il solo criterio di induzione in oggetto non fosse sufficiente ai fini dell’accertamento di maggiori redditi d’impresa e che l’Amministrazione finanziaria dovesse reperire ulteriori elementi per le rettifiche. 

Fonte: Il sole 24 ore Credito d'imposta: il diritto non viene meno se l’omessa dichiarazione e` dovuta ad errore tecnico 
 
 
Con sentenza n. 48 dell’11 maggio 2009, la decima Sezione della Ctr Emilia Romagna ha deliberato che l’errore dell’intermediario abilitato nella trasmissione telematica dei dati di Unico non inficia la spettanza del credito Irpef. Nel caso trattato, la trasmissione aveva dato esito negativo per motivi di natura tecnica e il contribuente aveva prontamente provveduto a presentare la dichiarazione in forma cartacea, con relativa documentazione. L’Amministrazione finanziaria era dunque in possesso di tutti i dati utili per valutare il diritto al credito d’imposta risultante dalla dichiarazione. Ne deriva che il Fisco avrebbe dovuto riconoscere il credito e sanzionare solo l’omessa dichiarazione.  

  

 

Fonte: Il sole 24 ore


 

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Marzo 2012 12:26